Server proxy e reverse proxy

Maggio 2015

Proxy


Un server proxy è all'origine un terminale che svolge la funzione di intermediario tra i computer di una rete locale (che usa talvolta dei protocolli diversi dal protocollo TCP/IP) e internet.

La maggior parte delle volte il server proxy è usato per il web, si tratta allora di un proxy HTTP. Tuttavia possono esistere dei server proxy per ogni protocollo applicativo (FTP,...).
schema di un intranet con proxy

Il principio di funzionamento di un proxy


Il principio di funzionamento basico di un server proxy è abbastanza semplice: si tratta di un server "incaricato" da un'applicazione per effettuare una richiesta su internet al suo posto. Così, quando un utente si connette ad internet tramite un'applicazione client configurata per usare un server proxy, questa si connetterà in primo luogo al server proxy e gli darà la sua richiesta. Il server proxy si connetterà allora al server che l'applicazione client cerca di raggiungere e gli trasmetterà la sua richiesta. Il server risponderà in seguito al proxy, che a sua volta trasmetterà la risposta all'applicazione client.
funzionamento di un server proxy

Le funzionalità di un server proxy


Ormai, con l'uso del TCP/IP nelle reti locali, il ruolo di collegamento del server proxy è direttamente assicurato dal geteway e dai router. Ciò nonostante, i server proxy sono sempre attuali grazie ad altre funzionalità presenti.

La funzione di cache


La maggior parte dei proxy assicura anche una funzione di cache (in inglese caching), cioè la capacità di mantenere in memoria (in "cache") le pagine visitate più di frequente dagli utenti della rete locale per poterle fornire il più rapidamente possibile. In effetti, in informatica, il termine "cache" designa uno spazio di stoccaggio temporaneo dei dati (il termine "buffer" è ugualmente usato).

Un server proxy capace di mettere nella memoria cache le informazioni è generalmente detto "server proxy-cache".

Questa funzionalità implementata in alcuni server proxy permette da una parte di ridurre l'uso della banda verso internet e dall'altra di ridurre i tempi di accesso per gli utenti ai documenti.

Tuttavia, per arrivare a questo risultato, è necessario che il proxy paragoni regolarmente i dati stoccati nella memoria cache con quelli remoti per assicurarsi che i dati in cache siano sempre validi.

Il filtraggio


D'altra parte, grazie all'utilizzo di un proxy, è possibile assicurare il controllo delle connessioni (in inglese logging o tracking) mediante la costituzione di file di log che registrano sistematicamente le richieste degli utenti ad una loro richiesta di connessione a internet.

E' quindi possibile filtrare le connessioni internet analizzando da una parte le richieste dei client, e dall'altra le risposte dei server. Quando il filtraggio è realizzato paragonando la richiesta del client ad una lista di richieste autorizzate, si parla di lista bianca, se invece si tratta di una lista di siti vietati si parla allora di lista nera. Infine l'analisi delle risposte dei server seguendo una lista di criteri (parole chiave,...) è detta filtraggio di contenuto.

L'autenticazione


Dato che il proxy è l'intermediario indispensabile degli utenti della rete interna per accedere a delle risorse esterne, è a volte possibile usarlo per autentificare gli utenti, cioè di chiedere loro di identificarsi mediante un nome utente e una password ad esempio. Sarà quindi facile dare l'accesso alle risorse esterne solo alle persone autorizzate a farlo e di poter registrare nei file di log degli accessi identificati.

Questo tipo di meccanismo, una volta realizzato, pone ovviamente numerosi problemi relativi alle libertà individuali e ai diritti delle persone...

I reverse-proxy


Viene detto reverse-proxy un server proxy che permette non agli utenti di accedere alla rete internet ma bensì agli utenti di internet di accedere indirettamente ad alcuni server interni.
schema di principio di un reverse proxy


Il reverse-proxy serve anche da collegamento per gli utenti internet che desiderano accedere ad un sito web interno trasmettendogli indirettamente le richieste. Grazie al reverse-proxy, il server web è protetto dagli attacchi diretti dall'esterno, cosa che rinforza la sicurezza della rete interna. D'altra parte, la funzione di cache del reverse-proxy può alleggerire il carico del server per cui è previsto, ed è la ragione per cui un server simile è talvolta detto » acceleratore « (server accelerator).

Infine, grazie a degli algoritmi perfezionati, il reverse-proxy può servire per ripartire il carico reindirizzando le richieste verso diversi server equivalenti; si parla allora di ripartizione del carico (in inglese load balancing).

Realizzazione di un server proxy


Il proxy più diffuso è senza dubbio Squid, un software libero disponibile su numerose piattaforme tra cui Windows e Linux.

Su Windows esistono più software che permettono di realizzare un server proxy ad un costo minore per la sua rete locale :
Per poter consultare questo documento offline, ne potete scaricare gratuitamente una versione in formato PDF:
Server-proxy-e-reverse-proxy.pdf

Vedi anche


Proxy and reverse proxy servers
Proxy and reverse proxy servers
Servidores proxy y servidores de proxy inversos
Servidores proxy y servidores de proxy inversos
Proxy- und Reverse-Proxy-Server
Proxy- und Reverse-Proxy-Server
Serveur proxy et reverse proxy
Serveur proxy et reverse proxy
Servidores proxy (servidores mandatários) e reverse-proxy
Servidores proxy (servidores mandatários) e reverse-proxy
Il documento intitolato « Server proxy e reverse proxy » da Kioskea (it.kioskea.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.